È possibile esprimere due preferenze per il consiglio comunale, sulla scheda azzurra vi invito a dare il vostro voto a Andrea de Priamo e Imma Sorrentino.

 

Chi è Andrea De Priamo

Ho conosciuto Andrea De Priamo quando, ancora studente, iniziai a frequentare la sezione del MSI-DN della Garbatella di cui Andrea , studente universitario, era il segretario giovanile.

Con Andrea ho condiviso un lungo percorso, iniziato con bellissimi pomeriggi a volantinare e raccogliere firme per portare avanti iniziative a supporto del territorio. Erano gli anni che precedevano tangentopoli, “regnava” il pentapartito, il potere era saldamente in mano ad una classe politica che sentivamo distante, dedicare il nostro impegno per cambiare e migliorare le cose “dal basso”, dedicarci alla Comunità di Quartiere era per noi un impegno concreto e costante. In un momento in cui la politica era vista, come oggi, come una realtà vissuta in palazzi dorati e distante dal cittadino per noi era fondamentale incarnare, nel nostro piccolo, la politica come forma di impegno e “servizio” verso la cittadinanza.

Di lì a poco, quando nel lontano 1993 Andrea fu eletto consigliere della XI Circoscrizione, il giorno dell’insediamento del consiglio fece un breve ma significativo discorso di cui alcune parole mi rimasero particolarmente impresse: “Bisogna cambiare la politica e non farci cambiare dalla politica”  una grande sfida che riassume il modo in cui  Andrea intende il proprio impegno politico, una sfida che  ha lanciato ed immediatamente cominciato a vivere e testimoniare nel suo percorso al servizio della città di Roma.

Sono molte da allora le battaglie e le iniziative portate avanti da Andrea, tra tutte ne voglio citare solo una per la quale mi sono sentito particolarmente coinvolto:

Da consigliere di opposizione in una delle circoscrizioni più rosse di Roma, Andrea, da sempre sensibile alle tematiche ambientali,  coinvolge e fa assumere un ruolo di primaria importanza ad Alleanza Nazionale nella battaglia per la  tutela del Parco di Tormarancia – un area verde a ridosso del Parco dell’Appia Antica, sita tra Via di Grotta Perfetta e Via Ardeatina che la giunta Rutelli aveva destinato per l’edificazione di abitazioni per una cubatura totale di 8 milioni di metri cubi di cemento. Una battaglia durata quasi un decennio e portata avanti a tutti i livelli da Alleanza Nazionale e conclusasi solo nel maggio 2002 grazie ad un emendamento di Fabio Rampelli che alla Regione Lazio fece inserire la zona di Tormarancia all’interno del parco dell’appia antica. Fu una grande vittoria, giunta dopo anni di lotta e vinta contro i “poteri forti” della città di Roma.

La biografia di Andrea è visibile sul sito  http://www.andreadepriamo.it 

 

Chi è Imma Sorrentino

Imma Sorrentino“Come molte donne di oggi sono impegnata contemporaneamente a fare la mamma e nell’esercizio della professione di avvocato.

Nasco a Torre del Greco, luogo d’origine dei miei genitori, papà poliziotto e mamma casalinga, già da qualche anno residenti a Roma nel quartiere Tor Tre Teste dove sono cresciuta e tutt’ora abito. Studente dell’istituto Tecnico Botticelli aderisco all’Agesci (Associazione Guide e Scouts Cattolici) e partecipo alle attività dei gruppi giovanili della parrocchia di S. Tommaso D’Aquino, contribuendo all’organizzazione della giornata Mondiale della Gioventù a Denver del 1993.

Nel 1997 conseguo la laurea con Lode in Diritto Amministrativo alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università Tor Vergata di Roma e vinco un concorso della Polizia di Stato. Ma la vocazione per la professione di avvocato mi spinge ad intraprendere l’attività forense già nel 1998.

I brillanti risultati ottenuti sin dall’inizio della carriera mi valgono l’associazione ad un importante studio legale romano nel quale lavoro fino al 2006. Successivamente esercito per lo studio Borraccino che nel 2009 mi affida l’incarico di curare l’espansione internazionale di marchi storici di imprese commerciali capitoline d’eccellenza, per conto delle quali organizzo l’apertura di numerosi punti vendita a Istanbul, Dubai e Il Cairo. L’iniziativa si rivela un successo che guadagna allo studio il prestigioso riconoscimento di Cavaliere del Commercio.

Attualmente la mia attività di avvocato è considerata in ambito legale e istituzionale un punto di riferimento, per le competenze acquisite in merito al contrasto delle disfunzioni burocratiche che determinano i ritardi nei pagamenti della pubblica amministrazione.

Anche grazie al mio contributo professionale, associata dal 2014, lo studio legale Borraccino ha incrementato il suo volume di consulenze, per cui si è resa possibile l’apertura di sedi a Milano e Londra a cui faranno seguito a breve  gli uffici di Bologna, Napoli e  Cosenza.”